Share this project

Done

Share this project

Done
A father dreams his life with the child his wife is expecting. When the baby borns too early and dies, he has to deal with grief.
A father dreams his life with the child his wife is expecting. When the baby borns too early and dies, he has to deal with grief.
46 backers pledged €6,285 to help bring this project to life.

About

KOI - Loosing a baby. A film on the grief of a father project video thumbnail
Replay with sound
Play with
sound
  • Off
    • Italiano

KOI - Loosing a baby. A film on the grief of a father

€6,285

46

An Italian photographer & videomaker writes and makes a short film about Baby Loss and the grief of the fathers. A film to raise awareness on an important and delicate subject. Very common but yet not easy to talk about it.

Un fotografo e videomaker Italiano scrive e realizza un cortometraggio sul tema del lutto perinatale. Un film per sensibilizzare e rendere consapevoli su un problema importante e delicato. Molto diffuso ma di cui si ha paura di parlare.

By Luigi Barbato

ENGLISH VERSION

(Descrizione in Italiano in fondo)

Who is Luigi?

Luigi is 40 years old and lives in Milan. He works as an engineer, but his passions are photography and video making. Master in Visual Communication/Photography at Istituto Italiano di Fotografia in Milan. His works have been part of group exhibitions, he won different prizes and published in professional magazines: www.luigibarbato-photographer.it Master in Film Direction, Scripting and Production at Accademia09 Milan. Production and Direction of the short film “Due nel fosso”: https://www.youtube.com/watch?v=rOrGrAuYL-4 with Accademia09 support.

What’s KOI Project all about?

KOI is the title of a short film that deals with the bereavement after the loss of a baby. In particular, the film is the story of a father who dreams about the future with his expected baby. Reality breaks sharply in the dream when the baby was born too early. After a few days spent in the incubator in the neonatal intensive care unit (NICU), the baby does not survive. The father has to face his terrible pain and has to learn dealing with it and start to grieve in his own way.

What is this film inspired to?

"KOI" was born after a personal experience. In 2013, Samuele, Luigi's and his partner Laura's son, was born prematurely at 24 weeks.
Samuele survived just one week
Luigi's passions for images allowed him to voice his pain and to mourn through the writing of the story, turning it into a script and then producing a short film. During this stage of the production, Luigi met the Italian charity CiaoLapo Onlus (www.ciaolapo.it).
CiaoLapo is a community and a scientific/research/support organization for grieving families. Ciaolapo funds and organizes projects to give bereaved parents professional and free support. They also work along with professionals and hospitals and government in order to raise awareness and break the silence over baby loss. Running into CiaoLapo turned Luigi's idea into a substantial project that is now real and pre-produced all together with new enthusiasm and targets.

Where is the title "KOI" coming from?

There is a very special and inspiring tale behind Luigi's choice of this title.
"Every Spring, in Japan, in a pond at the foot of a waterfall there is a group of carps (in Japanese language called Koi) resting after laboriously climbing the flow of the river. Their rest, however, is anything but quiet because every year to the edges of the pond also comes a group of fishermen , and a flock of eagles flying over the water waiting to deliver the death blow to eat the fishes. The few carps that are able to survive, try to climb the falls looking for the salvation. The legend has it that only one of them will be able to reach the summit. And only one will become the dragon. Every year a group of Koi carps meets again in that pond at the foot of the waterfall, despite knowing that certain death awaits them and that only one can become the dragon."
In Japanese culture, Koi carp is the bravest fish, because it climbs the waterfall and accepts the certain death fighting bravely.
Koi is Samuele.
Koi is this film that we would love to make it real.

What are the targets of this film?

In Italy preterm births are around 50,000 per year, 500.000 in Europe and 15 million worldwide. Data steadily increases. Some of these babies are so small that they cannot survive the delivery room. Others are looked after by doctors and nurses in the NICUs. Despite the best cares, sometimes, after days or weeks in NICU, some babies will die. Luckily most of them will go home with their parents.
With the support of CiaoLapo “Koi” has now become a wide ranging project. We would like to internationally raise awareness on Perinatal Loss, a subject still considered a taboo in many societies, and in particular we would like to focus and to show people the father's feelings and pain after such a tragical event. Spreading our voice on this subject using an uncommon way (the film) and make it popular (in International Film Festivals) is our main target!

Who is working on the making of this film?

Luigi and his wife Laura, together with a group of people that shared the project initial idea of raising awareness:
- "CiaoLapo Onlus" charity
- "Fatti per Vivere Onlus" charity of the NICU at “Fatebene Fratelli” Hospital in Milan
- “Invisible Film” filmaking company in Milan
- "3Zero2" filmaking company in Milan
- Stefano Burbi, Orchestra conductor and composer
- All people that will decide to support us through this crowdfunding campaign

What makes this film special?

Very often society and media, as it is natural, consider the pain of a mother and her grief. Mothers face the pain of giving birth to a tiny baby who may die and often feel guilty for giving them a preterm birth and not being able to carry on a full term pregnancy.

“KOI” would like to consider the feelings of the fathers and telling the world the tragedy and the pain from the fathers point of view.

We would like focusing on what goes through the mind and heart of a man facing that glass crib. The dreams, the expecting future sometimes impossible to even consider it, the love and the fears of a stolen future, the terrible reality to see his baby's life taken away.

This film would like to show the story involving an artistic and stylistic use of colours in the film making process. Most scenes are set in the baby’s room, facing a wall. There the father wants to express, show and set all his free feelings free. The first part of the dream with the expectations of the future with his baby is going to be shoot in a furnished room, full of toys. With his grown up son drawing on the wall.

(Images from the movie “Pollock”)

The second part: the reality.
The father is alone in front of the wall, in an empty room. With his pain. The pain coming from the loss of his baby.
(Images from the movie “Pollock”)

 

 And his reaction.

(Images from the movie “La grande bellezza”).

Who has financially supported “KOI” so far?

Half of the money so far collected for this project comes from Luigi and his partner's personal investments.
CiaoLapo charity funded the other half of the budget. For a total investment so far of 12.000 €.
How are we going to use the money we are hoping to collect?

Our goal with the crowdfunding is to collect 6.000 Euros that, along with the money already invested, will be able to cover all the production costs to make “KOI” a reality.
With a total of at least 18.000 € investment (hopefully 20K), we will produce a high quality film that can face a larger audience and attention at an international level.
Our aim is to create a product that is high quality as the importance of the issue we are facing.

The extra money coming from this crowdfunding will be used for:
- Locations / Sets
- Actors / Cast
- Equipment and Materials
- Production Crews (photography director, designer, executive producer)
- Film Soundtrack
- Editing and Post Production

It is a nonprofit project and it will be a nonprofit short film. The production is focused on the main goal of raising awareness on such a delicate subject and make it popular. But in order to achieve that we need to respect the professional and hard work of each person involved and give these people a respectfull value to their jobs.

In case of extra funds than expected will be collected, and once all "KOI" costs of production will be fully covered, we will use the money to invest in further projects in support of CiaoLapo Onlus charity in order to raise awareness and break the silence on perinatal loss and to continue giving professional support to bereaved families.

 

Descrizione in Italiano

CHI E' LUIGI?

Ha 40 anni e vive a Milano. Ingegnere per lavoro, ma fotografo e videomaker per vocazione e passione. Master in Comunicazione Visiva/Fotografia presso l’Istituto Italiano di Fotografia di Milano. I suoi lavori sono stati esposti in collettive, vinto alcuni premi e pubblicati su alcune riviste di settore: www.luigibarbato-photographer.it Master in Regia, Sceneggiatura e Produzione presso l’Accademia09 di Milano. Produzione e Regia di un Cortometraggio “Due nel Fosso”: https://www.youtube.com/watch?v=rOrGrAuYL-4 

DI CHE COSA PARLA IL PROGETTO "KOI"? 

KOI è il titolo di un cortometraggio che affronta il tema del lutto perinatale. In particolare è la storia di un padre che sogna il futuro con il bambino che lui e la sua compagna stanno aspettando. La realtà irrompe bruscamente nel sogno quando il bambino nasce troppo presto e, dopo pochi giorni trascorsi nell'incubatrice, non sopravvive. Il padre si troverà allora di fronte al suo dolore e dovrà imparare ad affrontarlo ed elaborarlo a suo modo.

DA COSA NASCE QUESTO FILM?

Koi nasce da un’esperienza personale. Nel 2013, infatti, Luigi e la sua compagna Laura hanno avuto Samuele, un bambino nato prematuro alla ventiquattresima settimana di vita. Samuele è vissuto una settimana.
La passione di Luigi per l’immagine gli ha permesso di esprimere il suo dolore e di percorrere il suo viaggio nel lutto attraverso dapprima la scrittura di una sceneggiatura e poi la messa in produzione di un progetto cinematografico.
In quest’ultima fase c’è stato l’incontro con l'Associazione italiana CiaoLapo Onlus di Prato. CiaoLapo è una comunità e un'associazione scientifico-assistenziale che porta avanti progetti di sostegno alle famiglie/coppie che subiscono questo tipo di lutto. Progetti sviluppati insieme ai singoli genitori, agli operatori, alle aziende ospedaliere e alle istituzioni. Ciaolapo ha contribuito con entusiasmo alla produzione, permettendo di trasformare questa idea in un progetto concreto 

COME MAI QUESTO TITOLO, “KOI”?

C’è una storia che lega Luigi a questa scelta, una storia molto intima.
“Ogni primavera, in Giappone, in uno stagno ai piedi di una cascata si riunisce un gruppo di carpe (in giapponese Koi) che riposano dopo aver faticosamente risalito la corrente. Il loro riposo è però tutt’altro che tranquillo, perché ogni anno ai bordi dello stagno arriva anche un gruppo di pescatori, e uno stormo di aquile sorvola le acque in attesa di sferrare il colpo mortale per cibarsi dei pesci. Le poche carpe che riescono a sopravvivere a queste insidie provano a risalire la cascata alla ricerca della salvezza. La leggenda narra che soltanto una di loro riuscirà nell’intento di raggiungere la vetta. E solo quella diventerà dragone. Ogni anno un gruppo di carpe Koi si ritrova in quello stagno ai piedi di quella cascata, pur sapendo che morte certa le attende e che solo una riuscirà a diventare dragone.” 
Nella cultura giapponese la carpa è dunque il più coraggioso dei pesci, perché risale a nuoto le cascate e accetta con dignità la morte inevitabile. Koi quindi rappresenta il voler affrontare il proprio destino lottando con coraggio.
KOI è Samuele.
KOI è questo film che vuole divenire realtà. 

QUALI SONO GLI OBIETTIVI DEL FILM? 

Solo in Italia I nati pretermine sono 50.000 ogni anno, in Europa 500.000 e 15 milioni nel mondo. Questo numero è in crescita. Alcuni di questi bambini sono così piccoli da non sopravvivere dopo la nascita. Altri sono amorevolmente accuditi nelle Terapie Intensive Neonatali (TIN) da medici e infermieri. Ma, nonostante le cure, a volte, dopo giorni o settimane, alcuni bambini muoiono. Fortunatamente la maggior parte tornerà a casa con i genitori.
Koi è diventato un progetto di più ampio respiro, attraverso il quale, con l’aiuto di CiaoLapo, vorremmo portare alla luce un tema che la nostra società considera un tabù e che troppo spesso resta nell’ombra. Quello della perdita perinatale, raccontato dal punto di vista del padre
Vorremmo diffondere il nostro messaggio attraverso diversi canali (televisioni, social media, festival cinematografici), per arrivare anche a chi meno conosce questo tema. 

CHI LAVORA A QUESTO FILM? 

Luigi e la sua compagna, un gruppo di persone che hanno condiviso finora la nostra tematica e l’idea che c’è dietro al progetto: 
- Associazione CiaoLapo Onlus
- Associazione “Fatti per Vivere onlus" del centro di Terapia Intensiva Ospedale FatebeneFratelli di Milano 
- Casa di Produzione Cinematografica “Invisibile Film” di Milano 
- Casa di Produzione 3Zero2 di Milano
- Direttore d’Orchestra e Compositore Internazionale Stefano Burbi 
- Tutte le persone che decideranno di partecipare a questo crowdfounding

CHE COSA RENDE QUESTO FILM UNICO?

Molto spesso in casi come questo l’attenzione dell’opinione pubblica, come è naturale che sia, si concentra molto sul dolore e sui pensieri della madre. Questo cortometraggio vuole portare invece l’attenzione sul padre. Cerca di raccontare il dramma, il dolore dal punto di vista dell’altro genitore. Far vivere quello che si crea nella mente e nel cuore di un uomo di fronte a quella “culla di vetro”: i sogni, le aspettative per un futuro impossibile o improbabile, l’amore, le paure per un futuro “monco”. E poi lo schianto di fronte alla dura realtà di una vita che si spegne.

Stilisticamente e artisticamente questo film vuole raccontare la storia di questo padre con l’aiuto dei colori. La maggior parte delle scene del film sono girate nella stanza del bambino, di fronte ad una parete della stanza, dove il papà esprime, mostra, scatena tutti i suoi sentimenti. Una prima fase, il sogno e le aspettative di un futuro col figlio, sarà ambientata nella stanza del bambino arredata e piena di giochi e poi con il figlio cresciuto di fronte al muro a disegnare.

(Immagini tratte dal film “Pollock”)

La seconda fase. La realtà, il lutto: da solo di fronte al muro. Nella stanza vuota con il suo dolore. Il dolore della perdita.

(Immagini tratte dal film “Pollock”)

 E la sua reazione.

(Immagini tratte dal film “La grande bellezza”).

CHI HA FINANZIATO "KOI" FINO AD OGGI?

Il budget finora raccolto (12.000€) si basa per metà su un investimento personale che Luigi e la sua compagna hanno voluto in questo progetto. L’altra metà è il contributo di CiaoLapo Onlus.

COME SARANNO SPESI I SOLDI CHE SPERI DI RACCOGLIERE?

L’obiettivo è raggiungere almeno 18.000 euro (possibilmente 20.000) per poter creare un prodotto che sia qualitativamente all’altezza del tema che stiamo affrontando.
Quindi i restanti 6.000 euro, che vorremmo raccogliere con questo crowdfunding, serviranno, assieme a quelli già raccolti, a coprire tutti i costi di produzione necessari per realizzare questo cortometraggio:
- Location
- Attori
- Attrezzature e materiali
- Personale Produzione (direttore fotografia, scenografo, produzione)
- Colonna sonora
- Montaggio e Post Produzione

E’ un cortometraggio con finalità sociale, no-profit, avente come unico obiettivo quello di far aumentare la consapevolezza e diffondere una tematica così delicata. Tuttavia per raggiungere il risultato che ci prefissiamo è necessario il lavoro qualificato di numerosi professionisti, ai quali dovrà essere riconosciuto un rispettoso ed equo contributo economico per le loro prestazioni lavorative.

Nel caso dovessero essere raccolti più fondi rispetto alle necessità del documentario KOI, il denaro in eccesso sarà utilizzato per finanziare ulteriori progetti di sensibilizzazione culturale di CiaoLapo Onlus sul tema della perdita e del lutto perinatale.

Si ringraziano Roberto Bonaiuti e Marina Montorfano per l'assistenza tecnica e linguistica alla campagna di crowdfounding.
 

Risks and challenges

ENGLISH

This project has an important and definite target: to raise awareness on a delicate and thorny subject.
To reach this goal we would love to promote our film at an International Film Festival and distribute it at the CiaoLapo charity events.
CiaoLapo Onlus, my wife and I have already invested a relevant budget in order to start the project.
This fundraising campaign will give us the opportunity and the money we need to accomplish our goal of producing a high quality movie that will give visibility to a very important subject as we think NICU and preterm babies and their families are!
We already started the pre-production. At the moment we are considering and selecting locations, sets and casting the actors.
If the project will be funded we would have more possibilities to pick the perfect shooting sites and better professional actors.
Furthermore the funds will improve the shooting of the scenes linked to "colors", these are the most challenging and important parts of the movie because they will be the ones carrying the messages of the film.
A delay in the production of the film is the only risk.

ITALIANO

Questo progetto ha un importante e chiaro obiettivo: sensibilizzare l'opinione pubblica su un tema spinoso e delicato attraverso due canali. Proporre questo cortometraggio all'interno Festival internazionale del Cinema e permettere di utilizzare il film durante gli eventi dell'associazione no-profit CiaoLapo.

Noi (Associazione CiaoLapo, mia moglie ed io) abbiamo già raccolto un discreto budget per avviare il progetto. I soldi in più che raccoglieremmo con questa campagna ci permetterebbero di completarlo e, soprattutto, di realizzare un prodotto di alta qualità per un tema importante come questo.

Abbiamo già iniziato la fase di produzione. In questo momento stiamo definendo e cercando di capire la location giusta dove girare e gli attori.

Se il progetto fosse ulteriormente finanziato, avremmo più opzioni nella scelta dei luoghi giusti e degli attori.
Inoltre ci aiuterebbe a realizzare al meglio tutte le scene del film legate "ai colori", che è sicuramente la parte più critica di questo cortometraggio. Queste sono le immagini che meglio comunicano il significato del film.

L'unico rischio è dover ritardare leggermente la realizzazione del film.

Learn about accountability on Kickstarter

Questions about this project? Check out the FAQ

Support

  1. Select this reward

    Pledge €10 or more About $11

    Thank you very much for your support to our project!

    Grazie del vostro aiuto per il nostro progetto!

    Less
    Estimated delivery
    1 backer
    Kickstarter is not a store.

    It's a way to bring creative projects to life.

    Learn more about accountability.
  2. Select this reward

    Pledge €50 or more About $57

    A donation certificate in pdf, together with the name of the child you would like to remember in the end titles ("In loving memory of")

    Un certificato di donazione in pdf ed il nome del bambino che vuoi ricordare nei titoli di coda ("In ricordo di")

    Less
    Estimated delivery
    28 backers
    Kickstarter is not a store.

    It's a way to bring creative projects to life.

    Learn more about accountability.
  3. Select this reward

    Pledge €500 or more About $567

    Poster and DVD signed by L. Barbato (director) and C. Ravaldi (CiaoLapo Onlus).
    +
    Donation certificate in pdf, together with the name of the child you would like to remember in the end titles ("In loving memory of")

    Poster del progetto e DVD firmati da L. Barbato (regista) e C. Ravaldi (CiaoLapo Onlus).
    +
    Certificato di donazione in pdf ed il nome del bambino che vuoi ricordare nei titoli di coda ("In ricordo di")

    Less
    Estimated delivery
    Ships to Anywhere in the world
    Limited 1 backer
    Kickstarter is not a store.

    It's a way to bring creative projects to life.

    Learn more about accountability.

Funding period

- (49 days)